Mattarella a Cagliari, visita lampo del Presidente della Repubblica

mattarella
mattarella 2

 

di CARMEN CORDA

 

Su invito della Presidenza del Consiglio – che oggi 26 febbraio dà inizio alle celebrazioni – il Capo dello Stato ha presenziato alla seduta solenne del Consiglio Regionale per i 70 anni dello Statuto e per la intitolazione a Emilio Lussu di una sala a Villa Devoto, sede nella quale il Presidente Mattarella ha incontrato alcuni discendenti di Lussu.

Ad accogliere la prima carica dello Stato le massime autorità locali: il Presidente del Consiglio Regionale Gianfranco Ganau, il Presidente della Giunta Regionale Francesco Pigliaru e il Sindaco di Cagliari Massimo Zedda.

La visita – che ha richiesto imponenti misure di sicurezza – si è aperta con l’inno nazionale intonato dai bambini dell’Istituto Comprensivo Pusceddu di Villasor: tutti in piedi tranne due esponenti del Partito dei Sardi, Augusto Cherchi e Gianfranco Congiu, a sottolineare la loro anima “sovranista”.

A far gli onori di casa è il Presidente del Consiglio: «Dobbiamo essere orgogliosi di questi 70 anni di autonomia, di quanto è stato fatto, un periodo di straordinario progresso, settant'anni di pace dentro la pace, garantita con la nascita della Comunità Europea, settant' anni di avanzamento economico e sociale, di superamento della povertà, dell'analfabetismo, delle malattie» – dice il Presidente Ganau. Ma la Sardegna – prosegue – «continua a subire le conseguenze dell'insularità e resta esclusa dalle grandi reti italiane ed europee di trasporti e infrastrutture» – prosegue.

Interviene anche il Presidente Pigliaru: «La ragione della nostra specialità è l'insularità che comporta per i sardi un vero e proprio costo di cittadinanza. Lo Stato deve accompagnare la Regione Sardegna per ottenere il pieno riconoscimento dell'insularità nella sede dell'Unione Europea».

Nessun intervento del Capo dello Stato, probabilmente in ragione dell’imminente voto del 4 marzo: il suo ruolo Istituzionale gli impone, infatti, di essere super partes.

Per l’occasione l’aula consiliare è stata abbellita con alcuni esemplari dell’arte tessile sarda, tra i quali due preziosi tappeti di Ulassai.

comments powered by Disqus
top