22

Una bellissima esperienza quella raccontataci da Sofia Boi, 21 anni, ragazza decimese che sta attualmente frequentando il corso di Laurea “International Politics and Government" presso l’Università Bocconi a Milano

14 sofia boi

 

di ALESSIO CARIA

 

Abbiamo avuto la possibilità di trattare con lei vari temi relativi alla sua “nuova vita” universitaria e soffermarci così su più aspetti legati ai suoi studi.

Come mai hai deciso di studiare fuori dalla Sardegna?

Ho deciso di studiare a Milano perchè il tipo di corso a cui ero interessata non è offerto in Sardegna. Il corso di laurea che ho scelto si chiama “International Politics and Government” e, come suggerisce il nome, si tratta di un corso di scienze politiche. A differenza della maggior parte dei corsi in questo campo affrontiamo in modo molto più approfondito le materie economiche e ciò mi consente quindi di avere un margine più ampio di scelta sul proseguimento dei miei studi ed eventualmente sulla carriera. Avendo cominciato a seguire dei corsi d’inglese dalle scuole medie e avendo conseguito varie certificazioni volevo assolutamente cogliere l’opportunità di studiare in un corso impartito in lingua inglese. Inoltre dopo alcune esperienze di scambio in California e in Cina sapevo di cercare un ambiente internazionale: almeno il 30% della classe infatti è composto da studenti stranieri.

Quali sono le differenze col sistema universitario sardo?

Non avendo esperienza col sistema sardo non so definire con certezza tutte le differenze. A parte l’inglese e l’ambiente internazionale, delle differenze dal punto di vista pratico sono che le classi non sono numerose e non ci è concesso ripetere gli esami o rifiutare i voti. Possiamo frequentare un semestre all’estero grazie a partnership con tantissime università (io andrò alla USC a Los Angeles), usufruire dei corsi extra-curricolari organizzati dal centro linguistico o dal centro di informatica e altri seminari a cura dei centri di ricerca e partecipare a conferenze e workshops. Per quanto riguarda stage, tirocini e opportunità lavorative invece siamo assistiti dal career service che è uno dei punti di forza dell’università.

Consiglieresti la tua esperienza ad altri ragazzi?

Lo consiglierei senza alcun dubbio! È sicuramente faticoso e non soltanto dal punto di vista accademico: inizialmente anche abituarsi a stare lontano da casa e a vivere per conto proprio può essere faticoso. Ma finora le soddisfazioni valgono nettamente la pena.”

Ti sta “arricchendo” e se sì, in che modo?

Sì, sotto tanti punti di vista. L’ambiente che ho trovato non è soltanto internazionale ma anche molto competitivo e stimolante: mi confronto ogni giorno con studenti dalla preparazione eccellente e docenti che provengono da università prestigiose. Anche vivere da sola, capire come gestire tempo e spese e approfittare delle attività che Milano offre mi ha sicuramente aiutata a diventare più responsabile e indipendente.

comments powered by Disqus
top