log ventennale
log ventennale

Marco Melis dell'ASD SHARDANA BOXE di Decimomannu è Campione Italiano dei Minimosca!

merco melis shardana trionfo
marco meli e fabrizio melis

 

di SANDRO BANDU

 

Grande affermazione del ventunenne Marco Melis, pugile della società decimese Shardana Boxe, che in finale a Rosetto degli Abruzzi (Pescara) ha fatto sua la medaglia d'oro della categoria Minimosca.

L'atleta originario di Terraseo, ma in forza alla Shardana Boxe da alcuni anni, ha superato in semifinale il lombardo Francesco Rizza, per poi regolare i conti nella finale contro il campano Giuseppe Colaiaconi.

Quella di Marco Melis è stata l'unica medaglia d'oro per la pattuglia sarda, che può comunque portare a casa anche gli argenti di Mirko Denurchis (Gymnasium Boxe Sassari), sconfitto nella finale dei pesi Mosca dal siciliano Francesco La Rosa, e dell'argento conquistato da Matteo Duras (Boxing Team Erittu Sassari) anch'egli sconfitto nella finale dei pesi Gallo dal siciliano Giovanni D'Amico.

Grande soddisfazione pertanto in casa decimese, soprattutto per il coach Fabrizio Melis che oltre ad essere l'allenatore di Marco Melis è anche lo zio del promettente campioncino che attualmente, dopo aver conseguito il diploma di Perito Agrario, aiuta il padre nell'azienda agricola a Terreseo.

Il giovane pugile per la verità ha sempre respirato fin dalla nascita gli odori della palestra e del sacrificio sul ring. È figlio d'arte: il padre Antonello è stato un grande pugile dei pesi Mosca (kg 52) e ha difeso per anni i colori della Nazionale e ha partecipato ai mondiali WBC, ai Giochi del Mediterraneo e a vari campionati europei.

Lo stesso allenatore, Fabrizio Melis, ha avuto anch'esso un trascorso pugilistico prestigioso.

Ma paradossalmente, il giovane Marco, in età adolescenziale, preferiva danzare sulle piste da ballo, infatti è un ottimo ballerino, che sui ring pugilistici.

Ma il sangue non mente e il richiamo è stato troppo forte, e lo scorso anno alla prima occasione il coach Fabrizio Melis lo chiama a Decimo e lo porta sul ring della palestra Shardana a provare. Marco Melis è un ragazzo alto e magro e pesa solo 49 kg, ma è un insieme di muscoli e nervi.

È un ragazzo emotivo – esordisce il coach Fabrizio Melis – ma non c'è voluto molto per farlo salire sul ring, è stato quasi naturale: evidentemente il DNA ha fatto la sua parte. La molla è scattata per i campionati regionali: Marco ha preso la cosa sul serio e si è allenato con buona lena. Durante i campionati regionali, disputatisi a Elmas, ha vinto due incontri qualificandosi per i recenti campionati nazionali, dove si è laureato campione italiano della categoria dei Minimosca”.

Come sono andati i due incontri in Abruzzo?

“Come dicevo prima, Marco è un ragazzo molto emotivo, e in semifinale, contro il lombardo Francesco Rizza, la tensione gli stava facendo un brutto scherzo. Però dal punto di vista tecnico era nettamente superiore ed è riuscito a vincere ai punti”.

In finale invece?

“In finale è andato molto meglio, anche qui ha vinto ai punti, ma è stato molto più sciolto e sereno e ha vinto più nettamente: il titolo è decisamente meritato!”.

Secondo lei ha dei margini di miglioramento?

Senza dubbio: ha solo cinque incontri disputati ed è già Campione d'Italia! Il futuro è dalla sua parte. Deve però mettere da parte le sue titubanze e capire che con il lavoro in palestra può fugare quelle paure che a volte lo frenano sul ring”.

Prossimo appuntamento?

“Il 18 giugno prossimo la nostra società sarà presente a Monserrato per una manifestazione che vedrà impegnati tanti pugili regionali”.

comments powered by Disqus
top