log ventennale
log ventennale

L’ultimo Fantozzi. Un perdente vincente

screenshot 2017-07-03-10-10-08-1

 

di CARMEN CORDA

 

La notizia della scomparsa di Paolo Villaggio mi rattrista profondamente, e immagino che questo mio sentimento, questo mio stato d’animo, sia condiviso da milioni di italiani.

Il motivo principale di tanta tristezza credo sia fondamentalmente uno: il tempo che passa.

È uno di quei momenti in cui ci domina prepotentemente quella lucida consapevolezza del tempo che passa. Inesorabile.

Penso di non sbagliare nel pensare che ognuno di noi ha sentito e sente un affetto sincero verso il ragionier Ugo Fantozzi.

E quanti ricordi, quante risate.

Dieci film, divertenti e tristi al tempo stesso, ma anche innovativi, rivoluzionari: «la cosa più nuova era il linguaggio, completamente diverso da quello dei comici e degli imitatori che imperversavano all’epoca. Fantozzi e Filini non parlavano in dialetto, ma in un italiano che ne esprimeva la condizione esistenziale, una specie di sintesi di ignoranza endemica».

Così Paolo Villaggio, in un’intervista a La Stampa di due anni fa, raccontava il suo personaggio.

Ha spiegato – in più di una occasione – che poteva ritenersi una persona riuscita nella vita, anche o forse soprattutto grazie a un personaggio che non lo era per niente.

Al contrario, Fantozzi è lo “sfigato” per eccellenza, sfortunato come nessuno o forse come tutti, come molti, e per questo molto confortante, rassicurante.

Così si definiva in Fantozzi contro tutti, nel 1980: «Io, Pina, ho una caratteristica: loro non lo sanno, ma io sono indistruttibile, e sai perchè? Perchè sono il più grande 'perditore' di tutti i tempi. Ho perso sempre tutto: due guerre mondiali, un impero coloniale, otto - dico otto! - campionati mondiali di calcio consecutivi, capacità di acquisto della lira, fiducia in chi mi governa. E la testa per un mostr...per una donna come te».

Oggi salutiamo Paolo Villaggio con amarezza e gratitudine. Lui ci lascia ma il ragionier Fantozzi, il perdente vincente, resterà invece con noi.

Immortale.

 

04.07.2017

comments powered by Disqus
top