log ventennale
log ventennale

CAGLIARI – BOLOGNA 1-1: le interviste dagli spogliatoi

donadoni lntano
rastelli

 

DAL NOSTRO INVIATO ALLO STADIO SANT'ELIA, ALESSIO CARIA

 

Donadoni

- Il Bologna ha accarezzato il sogno di portare a casa i 3 punti: peccato per il finale di gara.

Si, abbiamo pagato molto il finale di partita. Trovo ingiuste le due espulsioni. In occasione della prima, Viviani toglie il piede poco prima di intervenire su Tachtsidis mentre sulla seconda, a parer mio, l’azione è viziata da un fuorigioco di Borriello. Nel primo tempo Sau, già ammonito, ha fermato una nostra ripartenza tirando la maglia ad un mio giocatore: anche lui avrebbe meritato l’espulsione. Ma sono solito non commentare questi episodi, guardo avanti. Posso dire che secondo me oggi abbiamo perso 2 punti. Dopo il goal dell’1 a 0 avevamo la palla soltanto noi.

- Mister, forse il Bologna ha sbagliato nel non cercare di attaccare il Cagliari in contropiede dopo il goal dell’1 a 0.

I contropiedi si fanno quando la squadra avversaria ti schiaccia nella tua area di rigore. Non era sicuramente quello il caso in quanto eravamo noi a condurre il gioco e a tenere perennemente il pallone. Non siamo però stati bravi nel punire l’avversario e, alla fine, avete visto com’è andata.”

- Prima della partita i tifosi del Cagliari l’hanno accolta con tanti applausi, fatto che testimonia il bel ricordo che lei ha lasciato qui in Sardegna.

Sono molto contento per gli applausi. Non succede a tanti allenatori di lasciare il segno in una squadra e nel cuore dei tifosi ma penso che con quelli del Cagliari ciò sia avvenuto. Gli applausi sono una grande gratificazione per me, un qualcosa che spesso vale più di una vittoria sul campo. Siamo uomini, siamo fatti di carne e non possiamo di certo rimanere impassibili davanti a queste manifestazioni d’affetto. Porterò sempre nel cuore la gente di Cagliari.

- Potrebbe commentare il ritorno al goal di Destro?

Sono contento per Mattia. Ha fatto un bel goal facendosi trovare bene davanti alla porta. Ma oggi ho avuto delle buone risposte anche da tanti altri giocatori, soprattutto a centrocampo. Siamo stati bravi nel togliere spazi al Cagliari nel secondo tempo, quando loro hanno avuto un visibile calo fisico. A parer mio avremmo dovuto attaccare di più la porta e provare a tirare di più.

 

Rastelli

- Possiamo considerare il pareggio di oggi un buon risultato?

Secondo me oggi abbiamo perso 6 punti. Se c’era una squadra che meritava di portare a casa la partita questa era il Cagliari. Nel primo tempo abbiamo giocato una grandissima partita, mettendo in campo tanta qualità, facendo divertire i tifosi sugli spalti e rischiando pochissimo. Poi purtroppo abbiamo subito il goal. Era importantissimo riuscire a trovare il pareggio e, fortunatamente, ci siamo riusciti.

- Potrebbe spiegarci la scelta di inserire Salamon come centravanti? Perché non Giannetti?

Oggi, come avete avuto modo di constatare, avevo gli uomini contati. Ho parlato con Salamon prima della partita e gli ho detto che oggi ci sarebbe stata la possibilità di fare anche il terzino o l’attaccante, e così è stato. Visti i suoi centimetri, gli ho dato un ruolo preciso per il finale di partita e penso sia stato importante il suo apporto. Per quanto riguarda Giannetti, oggi si è presentato con 39, 5 di febbre: non era nella giusta condizione fisica per poter scendere in campo.”

- Le voci di mercato danno Ibarbo vicino ad un ritorno al Cagliari: se ciò dovesse accadere, in che posizione potrebbe giocare?

Ibarbo è un giocatore del Cagliari. C’è la possibilità che torni al Cagliari così come è possibile che parta. Per quanto riguarda il ruolo, è un attaccante, dunque giocherà ovviamente in attacco. Se dovessi averlo a disposizione troverò sicuramente il modo di farlo giocare, anche perché è un giocatore importante con ottime qualità.

- Potrebbe commentare le scelte relative agli undici titolari?

Ho fatto le mie scelte sulla base dello schieramento del Bologna, dei giocatori che avevo a disposizione e della loro condizione. Ho deciso ad esempio di far partire Capuano titolare perché Murru non è ancora al 100% e attualmente non posso permettermi di rischiare dei giocatori che non sono totalmente in condizione. Permettetemi di dire che oggi Sau e Di Gennaro hanno fatto una grande partita, agendo benissimo tra le linee. Sono contento anche per Borriello, sempre capace di piazzare la zampata da vero attaccante nei momenti decisivi delle partite.

- Cosa pensa delle due espulsioni?

Per quanto riguarda la prima, Viviani è entrato a piedi uniti su Tachtsidi; era già ammonito, sarebbe stato espulso in ogni caso. Per quanto riguarda invece la seconda, non ho visto se Borriello fosse in fuorigioco o meno: il fallo di Krafth è però incontestabile, da ultimo uomo.

Miangue

Sono molto felice di aver esordito oggi con la maglia del Cagliari e di giocare per questi colori. Mi sono trovato subito bene qui; il Cagliari è quasi una famiglia allargata. Ho voglia di dimostrare quanto valgo e spero di mettere in difficoltà il mister nel momento della scelta degli undici titolari. Io devo soltanto continuare a lavorare e cercare di fare bene.”

comments powered by Disqus
top