log ventennale
log ventennale

CAGLIARI-CROTONE 2-1: Tre punti sudati, una sosta serena. Il Cagliari, orfano di João Pedro, batte la “Cenerentola” Crotone e raggiunge la zona tranquilla della classifica.

1. lesultanza dopo il vantaggio cagliaritano (foto mario rosas)
2. le squadre prima del calcio dinizio
3. un momento della partita

 

dal nostro inviato allo stadio Sante'Elia  LUCA PES

 

CAGLIARI (4-3-1-2):

Rafael; Pisacane, Ceppitelli, Bruno Alves, Murru; Isla (86°Salamon), Tachtsidis, Padoin; Di Gennaro (76° Munari); Borriello, Sau © (79° Giannetti). In panchina: Colombo, Crosta, Bittante, Dessena, Barella, Melchiorri. Allenatore: Rastelli

 

CROTONE (3-4-3):

Cordaz; Ceccherini, Claiton © (27° Dussenne), Ferrari; Rosi (67° Simy), Rohden, Crisetig, Martella; Tonev (74° Stoian), Falcinelli, Palladino. In panchina: Festa, Cojocaru, Sampirisi, Capezzi, Barberis, Salzano, Trotta, Nalini, Fazzi Allenatore: Nicola

 

ARBITRO: Giacomelli di Trieste

Assistenti: Vuoto - Zappatore

Quarto uomo: Giallatini

Addizionali: Abisso - Minelli

RETI: 38° Di Gennaro, 56° Padoin, 91° Stoian

Ammoniti: Palladino, Rosi, Rohden, Dussene Corner: 6-14

Recupero: 2' pt; 3' st

Note: cielo poco nuvoloso, temperatura alta, terreno in buone condizioni.

Spettatori: 14.501 (7.402 abbonati + 7.099 biglietti venduti) – 92% di riempimento – incasso totale compreso rateo abbonamenti: 171.484 €

 

SPERANZE

– A caccia di punti.

Il Cagliari vuole proiettarsi nella tranquilla zona di centroclassifica, il Crotone ha l'obiettivo di rimpolpare il misero bottino conquistato in sei partite, tentando di raggiungere la prima vittoria della sua storia nel massimo campionato.

Vigilia shock ad Asseminello; il fantasista João Pedro, durante la rifinitura, è rimasto vittima di un brutto incidente. L'esito degli esami, effettuati nella serata di sabato, è impietoso: frattura al terzo distale del perone della gamba sinistra.

Lo staff medico del Cagliari punterà ad un trattamento conservativo per scongiurare l'operazione, ma i tempi di recupero non saranno inferiori ai quattro mesi.

Mister Rastelli non cambia uomini e modulo tattico, ma sostituisce il brasiliano con un “nuovo” trequartista: è Davide Di Gennaro, che ha già ricoperto in carriera tale ruolo prima di agire in prevalenza sulla linea mediana.

Il tecnico del Crotone risponde con un 3-4-3, posizionando Claiton al centro della difesa, Rosi a destra nella linea di centrocampo, Rohden interno e Tonev a supportare la manovra d'attacco in linea con Falcinelli e Palladino.

Prima del fischio d'inizio, gli auguri della società e di tutto lo stadio a Beppe Tomasini, uno degli eroi dello scudetto, che in settimana ha festeggiato il settantesimo compleanno.

 

NOIA E SBADIGLI

– Ad inizio partita le due squadre si studiano senza produrre azioni e conclusioni a rete degne di nota.

Il Cagliari si affaccia timidamente verso la zona d'attacco verso il 7° minuto con Isla, ma il cileno viene contrastato dalla difesa avversaria.

I rossoblu sardi fanno la partita ma il possesso palla è sterile ed inoffensivo.

Al 14° un errore in disimpegno di Bruno Alves consente a Tonev di calciare in porta, la conclusione finisce di poco a lato.

Il Crotone ci riprova dopo una manciata di minuti con Rosi, il cui colpo di testa finisce alto sopra la traversa.

Al 25° il Cagliari si rende pericolosissimo con Tachtsidis ma Cordaz è bravissimo nel respingere la sfera.

Il match prosegue a ritmi molto bassi e senza trame di gioco particolarmente offensive, solo una bella conclusione dalla distanza di Falcinelli al 34° impensierisce la retroguardia cagliaritana.

Bisogna attendere il minuto 37 per il vantaggio degli uomini di Rastelli: Di Gennaro colpisce dalla lunga distanza, il pallone si insacca all'angolino alle spalle di Cordaz.

L'autore del gol mostra al pubblico una maglia rossoblu col numero dieci come gesto di solidarietà per il compagno João Pedro infortunatosi a poche ore dal match.

Si va al riposo con un timido tentativo di reazione dei calabresi, ma la porta di Rafael non corre grossi rischi.

 

VIVACITA'

– La seconda frazione inizia con un Crotone più intraprendente, la prima conclusione verso la porta è di Falcinelli.

Al 55° grande azione di Di Gennaro che lancia in profondità smarcando Borriello; il centravanti, a tu per tu con Cordaz, colpisce in pieno la traversa.

Sul prosieguo dell'azione la palla finisce sulla sinistra a Padoin che, dal limite, effettua un tiro molto angolato che non lascia scampo al portiere calabrese.

Grande esultanza di tutto il Sant'Elia per il primo gol con la maglia del Cagliari del “talismano”.

Rosi e Falcinelli, nei minuti successivi, provano a riaprire la partita, ma le rispettive conclusioni si perdono sul fondo.

Al 66° eccesso di altruismo di Borriello che effettua una sponda per Sau, il quale non arriva all'appuntamento col pallone.

Di Gennaro prova a chiudere definitivamente la partita al 69° ma la sua conclusione a giro viene deviata in corner. L'incontro sembra definitivamente chiuso, si apre la girandola dei cambi.

Il Crotone prende coraggio e dal 78° in poi si rende spesso pericoloso, due volte con Dussene, poi con Martella e Simy.

Rastelli passa al 3-5-2 con l'inserimento di Salamon per Isla, mentre il Crotone continua a pressare e si rende nuovamente pericoloso nei minuti finali con Falcinelli.

Al 91° i calabresi dimezzano lo svantaggio con un gran pallonetto di Stoian che sorprende Rafael, mentre al 93° il gigante Bruno Alves prova ad arrotondare il punteggio su calcio piazzato ma il pallone finisce sull'esterno della rete.

Qualche minuto di sofferenza nel finale, il triplice fischio del direttore di gara è liberatorio.

Una vittoria importantissima, Di Gennaro migliore in campo.

 

LA SOSTA

– Il Cagliari, conquistando sei punti nelle ultime due gare di campionato, si posiziona esattamente a metà classifica, in coabitazione col Bologna.

I dieci punti ottenuti nelle prime sette giornate consentono alla squadra di Rastelli di lavorare in tutta tranquillità, soprattutto nel tentativo di migliorare il rendimento esterno.

La sosta sarà utilissima per i recuperi, sempre più vicini, di Dessena e Farias, mentre bisognerà attendere più a lungo per il rientro di Storari.

Nonostante i gravi infortuni di Ionita e João Pedro, pare che la società non abbia in programma di contattare alcun calciatore svincolato.

Il Crotone resta sul fondo della classifica con un solo punto.

Al Sant'Elia gli uomini di Nicola non si son mal comportati, ma il bilancio delle prime sette giornate è assolutamente negativo.

La squadra è in crescita, però la rosa dei calabresi necessita di profondi accorgimenti in sede di mercato.

Anche se di questo passo la stagione, a gennaio, potrebbe già esser compromessa.

comments powered by Disqus
top