log ventennale
log ventennale

EX SS.130 SULCITANA, PERICOLOSA NEL TRATTO COMUNALE DI DECIMO

una grossa buca nel tratto comunale di decimo

 

 

DI TONINO USCIDDA

 

 Rassegnati, per non dire irritati: è questo lo stato d’animo che accomuna migliaia di conducenti che transitano giornalmente (i sinistri e gli eventuali, a seconda della gravità, contenziosi giudiziari anche a carico degli inadempienti amministratori comunali sono sempre dietro l’angolo) sul tratto comunale – ex SS.130 Sulcitana – che collega l’abitato di Decimomannu a quello di Assemini e viceversa.

Ad onor del vero gli amministratori del paese della ceramica hanno provveduto già da qualche anno al ripristino dell’asfalto e della segnaletica orizzontale e verticale per gli oltre due chilometri – quelli di competenza – della ex vecchia arteria statale e provinciale.

Senso di responsabilità, certo, ma anche un freno ai continui provvedimenti risarcitivi in favore di conducenti vittime di buche e altre asperità.

Al contrario il comune di Decimomannu ‘’prende tempo’’ sul suo breve tratto (mezzo chilometro circa, sic ndr) di carreggiata per niente in regola con le norme di sicurezza.

«La situazione è nota – asserisce l’assessore comunale Leopoldo Trudu – a breve provvederemo, nel nostro tratto, a raschiare la carreggiata sconnessa. Un problema – osserva Trudu – derivato dalle radici dei grandi alberi secolari affioranti ai margini della strada».

Punto di vista condivisibile quello espresso dall’esponente politico alle infrastrutture; la speranza è che i lavori incomincino presto e che il risultato finale possa essere risolutivo.

Già nel 2011 l’ex assessore Arnaldo Cocco promise interventi di ripristino in tempi rapidi mai messi in atto.

Di certo finora stiamo assistendo ad una deplorevole condotta omissiva - l’ennesima - che mal concilia con il dovere (dettato non solo dal senso di responsabilità ma anche dalle norme in vigore sul Codice della Strada: vedasi l’art.37 comma 1) di intervenire con sollecitudine in quel breve tratto in pessimo stato di conservazione. Poche centinaia di metri fuorilegge - da qualche decennio solo rappezzati - privi anche di segnaletica orizzontale obbligatoria.

comments powered by Disqus
top