22

SEGNALI DI RISVEGLIO SPIRITUALE Un anno di cambiamenti nella comunità ecclesiale a Decimomannu

16

 

di Ettore Massa

 

La comunità decimese ha vissuto ultimamente una serie di avvenimenti, risaltati in certi momenti anche dall’opinione pubblica e spesso ridicolizzati in modi anche inopportuni.

Da più di un anno a questa parte con spirito di aggregazione, ripensamenti, riconciliazioni si sono risistemate certe posizioni e si è ripreso finalmente a respirare aria diversa, ricaricata di speranza e di ottimismo.

Nel frattempo era arrivato a dare man forte alla nostra parrocchia un vicario, finalmente a tempo pieno, Don Simone Scalas, animato di buoni propositi, entrando soprattutto nel cuore dei giovani con

i quali da subito ha creato un’armoniosa intesa di collaborazione, coinvolgendoli sia nelle attività dell’oratorio sia in quelle che riguardano esplicitamente la chiesa.

E finalmente l’oratorio, chiuso da troppo tempo per le attività extra catechistiche, è rinato accogliendo quei ragazzi che, dopo la scuola e gli impegni sportivi, non trovavano punti di riferimento per incontrarsi, comunicare, convivere con gesti sani ed educati e rendersi utili non solo per gli altri ma soprattutto per sé stessi acquisendo esperienze utili per una crescita continua e propositiva.

Il messaggio lasciato in eredità da San Giovanni Bosco riprende ad essere trasmesso in pieno alle giovani generazioni di Decimomannu, rendendoli partecipi, impegnati e consapevoli del loro importante ruolo, rasserenando e gratificando i pensieri dei genitori che condividono queste scelte, fatte essenzialmente di buoni principi.

I ragazzi sono stati inizialmente formati in brevi corsi specifici di animatori, hanno partecipato ad incontri e seminari con le altre realtà di oratorio parrocchiale, dove anche il gioco è parte integrante dell’attività spirituale per il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

E quasi per gioco anche l’oratorio decimese è rimasto aperto anche d’estate per aderire all’iniziativa proposta dalla Pastorale Giovanile della Diocesi di Cagliari nel concretizzare il progetto “Tutti a tavola 2015”, realizzato da ODL (Operatori Diocesi Lombarde) attraverso i Gruppi Ricreativi Estivi (GREST) dei singoli oratori parrocchiali.

Così per due settimane, dal lunedì al sabato, gli ambienti interni ed esterni dell’oratorio decimese si sono affollati di bambini dai 6 ai 12 anni (circa 120 in totale), suddivisi in gruppi e guidati dai giovani animatori con la supervisione di Don Simone, hanno partecipato con passione alle attività previste nel progetto, che prevedevano giochi, gare, escursioni nel territorio, momenti di incontro, di aggregazione, di preghiera e, per stare nel tema del progetto, di socializzazione consumando tutti insieme il pranzo di fine giornata, organizzato da alcuni volontari, sia adulti che giovani.

Ogni gruppo, contraddistinto dal nome di una pietanza alimentare, ha partecipato con grande intensità a tutte le attività previste, nel seguire quelle piccole regole indispensabili ma soprattutto con gli atteggiamenti del quieto vivere nel rispetto degli altri e dell’ambiente circostante.

Un grande successo tanto che i partecipanti arrivavano con largo anticipo all’apertura e non volevano poi rientrare a casa dopo la chiusura.

Obiettivo centrato in pieno anche nella serata di chiusura dell’attività con la messa in parrocchia, il corteo dei gruppi che hanno colorato anche con le loro magliette il tratto di Corso Umberto verso l’Oratorio dove, tra un folto pubblico di famiglie, si è animata una grande festa con canti, balli, cabaret, in un coinvolgente divertimento conclusosi tra le immagini ricordo ancora una volta per salutare, ringraziare (con qualche lacrimuccia) e socializzare “Tutti a tavola” assaporando gustose pietanze caserecce.

Ma l’estate non ancora conclusa, in attesa della grande festa di Santa Greca, ci riserva un’altra novità: l’imminente arrivo del nuovo parroco, Don Andrea Lanero, incaricato dalla Curia Vescovile di Cagliari per sostituire Don Beniamino Tola, congedatosi dopo 13 anni di vita parrocchiale nella comunità decimese, in occasione della festa del suo 50° anniversario di sacerdozio.

Ancora una volta, per questi eventi, la comunità di giovani, adulti, associazioni locali ed istituzioni affiancherà stavolta il vice parroco Don Simone per accogliere al meglio l’arrivo del nuovo parroco previsto per domenica 6 settembre.

Don Andrea Lanero, che proviene dalla parrocchia Madonna di Lourdes di Poggio dei Pini di Capoterra, ha 46 anni, è stato ordinato sacerdote nel 2005, grande predicatore, ancora abbastanza giovane; si augura che possa trovare a Decimomannu le condizioni ideali per continuare, con le sue indiscusse capacità, quel risveglio di spiritualità che la nostra comunità ha finalmente ritrovato negli ultimi tempi e che vorrà accrescere ulteriormente.

comments powered by Disqus
top