22

I bonus assunzionali e i percorsi di inserimento mirati

31.01 - i bonus assunzionali e i percorsi di inserimento mirati
• di MARIA ANGELA CASULA

 

La Regione Sardegna, tramite l’IN.SAR. – Iniziative Sardegna S.p.A., ha approvato un programma di interventi coordinati per l’occupazione verso la fine del 2013.

Nell’ambito di tale programma intende attivare misure e interventi a sostegno delle imprese operanti nei settori Agroalimentare, ICT e Nautico, dirette all’assunzione di soggetti disoccupati e inoccupati e coinvolgendo non solo le imprese che vi aderiranno ma anche il Sistema Informativo del Lavoro (SIL) della Regione.

L’obiettivo naturalmente è quello di favorire lo sviluppo dell’occupazione e dell’occupabilità prestando attenzione anche ai soggetti, disoccupati e inoccupati, che, per motivi anagrafici, non abbiano la possibilità di accedere ad altre misure di politica attiva del lavoro messe in campo dalla Regione Sardegna, potenziando e supportando pertanto il mercato del lavoro in determinati settori produttivi con “il coinvolgimento sia del settore privato che di quello pubblico per l’inserimento sociale e lavorativo dei disoccupati e inoccupati, per garantire una concreta crescita e sviluppo economico”.

Naturalmente i soggetti destinatari finali dovranno essere appunto disoccupati o inoccupati, residenti nel territorio della Regione Sardegna e le imprese che vi aderiranno potranno partecipare per accedere ai fondi destinati all’erogazione del “Bonus assunzionali”, se assumeranno soggetti selezionati attraverso il SIL Sardegna, oppure ai fondi destinati alla concessione del contributo per l’attivazione del “Percorso di Inserimento Mirato” (PIM) di orientamento e guida dei neoassunti nella loro esperienza in azienda.

L’ammontare del Bonus assunzionale varia a seconda dell’età del soggetto che l’impresa intende assumere, per esempio per disoccupati o inoccupati di età compresa tra 18 e 29 anni con assunzione a tempo pieno o part time il bonus ammonta a € 8.000,00 lordi, che aumenta a € 10.000,00 se l’età del soggetto che si intende assumere è superiore a 30 anni.

Le aziende che assumeranno con il bonus possono attivare un percorso di inserimento mirato della figura professionale assunta al fine di “guidare ed orientare il potenziale neoassunto nella fase di avvio dell’esperienza in azienda, che consentirà di valutare le attitudini e l’idoneità del candidato, da un lato, e la rispondenza alle esigenze e al fabbisogno di competenze dell’impresa, dall’altro”.

Il percorso avrà una durata massima di sei mesi durante i quali l’impresa potrà usufruire di un contributo mensile di € 500,00 per ciascun partecipante al percorso.

Un elemento importante da sottolineare è la previsione di un sussidio mensile pari a € 500,00 a favore del soggetto inserito nel percorso e per tutta la durata del percorso.

Nel bando si possono trovare tutte le informazioni più dettagliate in merito ai requisiti per essere considerato lavoratore svantaggiato, ai requisiti di ammissibilità delle imprese destinatarie di tali interventi operanti nei settori agroalimentare, ICT e nautico e alla procedura da seguire per la presentazione della domanda da parte delle imprese interessate.

Bisogna tenere conto che le domande di partecipazione potranno essere presentate via posta elettronica certifica fino alle ore 12.00 del giorno 12 febbraio 2015, all’indirizzo bandoico@pec.insar.it e tutte le ulteriori e maggiori informazioni si potranno reperire sul sito web www.programmaico.it e sul sito web www.insar.it .

 

31\01\2015

comments powered by Disqus
top