log ventennale
log ventennale

Come possiamo fare a stare meglio? La soluzione è alla portata di tutti

31 obesita
• di SIMONE NAITANA


Con il pretesto dell'equilibrio alimentare e altri alibi scientifici si continua a dispensare prescrizioni alimentari e diete di ogni genere illudendo milioni di persone che sia questa la strada per riprendere a stare bene con se stessi e con il proprio corpo, alimentando nel lungo periodo soltanto sofferenza e frustrazione.
Ci si comporta allo stesso identico modo di quando si cerca di risolvere le questioni dell'anima mettendo questa a tacere con tanta innovativa e scientificamente testata buona chimica, illudendoci che sia questa la strada per la felicità. E' sicuramente un bene avere anche questi strumenti a disposizione e meno male che li abbiamo, ma non ritengo giusto mettere tutto a tacere per illuderci di stare meglio.
Ma se bastasse davvero una dieta a risolvere il problema mondiale dell'obesità come mai, non ostante tutte le diete e le prescrizioni sul giusto modo di alimentarsi (di cui potremmo fare una collezione infinita), l'obesità non solo non si è arrestata ma è in continua crescita? Come mai il 90% delle persone che vengono nel mio studio per un problema di sovrappeso hanno affrontato nel corso della loro vita chi tre, chi cinque, chi dieci, chi venti esperienze di restrizioni caloriche, di cosiddette diete?
Probabilmente stiamo sbagliando qualcosa? Decisamente si.
Tutte queste diete e ancor di più quell'atteggiamento mentale del "mettersi a dieta" e del far diventare anche il cibo un dovere (come se non ne avessimo già abbastanza di doveri), continua a mantenere la curva dell'obesità e di tutte le altre problematiche legate al cibo in continua crescita.
Non siamo pasta da modellare al bisogno e tutti questi buoni consigli sulla corretta alimentazione, che ci vorrebbero omologare e far mangiare tutti le stesse cose, non funzionano perché hanno la presunzione di ignorare l'unicità dell'individuo, la sua identità alimentare e il rapporto psico-emotivo che ognuno di noi ha con il cibo. Ognuno di noi è diverso da qualsiasi altra persona sulla faccia della terra e non esiste un unico modo di mangiare valido per tutti.
Ma allora la soluzione quale è?
La soluzione, anche in questo caso come per la stragrande maggioranza dei problemi del vivere, è dentro di noi. Non perdete tempo a ricercarla al di fuori, magari in uno schema alimentare, in una prescrizione o in qualche altra formuletta magica, perché non funziona e non dura. Questo lo dicono i dati, lo dice l'attualità e io lo confermo con la mia esperienza, non funziona mai!
Se stiamo male è perché ci siamo persi di vista o perché magari non ci siamo mai trovati. Se il nostro corpo inizia a lamentarsi e a cambiare le proprie forme è perché lo abbiamo trascurato, perché abbiamo smesso di ascoltarlo. A volte, presi dalla frenesia della vita e dagli eccessivi doveri della quotidianità, ci dimentichiamo di avere un corpo ed è per questo che poi Lui ci presenta il conto.
Chi compie un lavoro di riabilitazione nutrizionale diventa autonomo nei confronti del cibo e non avrà più bisogno di nessuno che gli dica cosa deve fare o cosa deve mangiare. Inoltre avrà la possibilità di riprendere a godersi il cibo e di riprendersi finalmente e definitivamente il proprio corpo.

Per qualsiasi informazione www.impariamoamangiare.com


(Vulcano n° 79)

comments powered by Disqus
top