22

Cagliari, con il Milan un pareggio prezioso

42058399 2057438791234602 2575977137664163840 n

I rossoblù disputano un ottimo primo tempo ma calano vistosamente nella ripresa. Ottimo rientro di João Pedro.

• dal nostro inviato alla Sardegna Arena, Luca Pes

 

BENTORNATO JOãO – Mister Maran, per la prima volta in stagione, ha un trequartista di ruolo da schierare dietro le punte. È João Pedro, al rientro dopo aver scontato una squalifica di sei mesi. In difesa confermati Klavan al centro e Padoin a sinistra. A centrocampo Bradaric detta i tempi della manovra, mentre in attacco Farias affianca Pavoletti.
Gattuso risponde col solito 4-3-3. Musacchio ancora titolare, Caldara si accomoda in panchina. Centrocampo a tre con Biglia in regia, al centro dell'attacco il cannoniere Higuain con Suso e Calhanoglu esterni.
Fantastico colpo d'occhio alla Sardegna Arena, esaurito in ogni ordine di posto.

CAGLIARI VIVACE – Il Cagliari parte con un ritmo impressionante e al 4° minuto passa in vantaggio. Pavoletti si invola verso la porta e calcia un gran destro; la palla sbatte sul palo dopo la deviazione di Donnarumma e lo stesso portiere milanista non è esente da colpe sulla conclusione di João Pedro che termina alle sue spalle. I rossoblù continuano a macinare gioco e si mostrano in grande condizione fisica. Al 14° Cragno respinge una gran botta dalla distanza di Rodriguez, ma è il Cagliari ad andare più vicino al gol al 16° con una conclusione di Barella che si stampa sul palo sugli sviluppi di un corner. Il Milan conquista terreno nella fase centrale del primo tempo, l'occasione più nitida è quella di Bonaventura al 27° che conclude di poco fuori. Gli uomini di Maran riprendono il controllo del match nel finale di tempo ma non producono occasioni da rete degne di nota.

MILAN DETERMINATO – Il secondo tempo inizia con un piglio diverso per i rossoneri, il Cagliari è quasi inesistente e fatica a risvegliarsi dal torpore. Il primo a provarci è Suso al 48°. Maran inserisce Ionita al posto di Farias, ma la scelta di infoltire il centrocampo non paga. Al 55° Kessie intercetta un disimpegno errato della difesa rossoblù, Higuain conquista la sfera e dopo aver dribblato Cragno la deposita alle sue spalle. I cagliaritani appaiono spesso lenti e stanchi e faticano a proiettarsi in attacco. Il mister rossoblù inserisce Sau al posto di João Pedro, mentre Gattuso nel giro di pochi minuti manda in campo Bakayoko e Castillejo al posto di Bonaventura e Calhanoglu. Il tecnico rossonero in panchina è una furia, il Milan attacca ma risulta piuttosto impreciso e non trova la via del gol. Il Cagliari di tanto in tanto prova a ripartire, ma la porta di Donnarumma è sempre molto lontana e il terminale offensivo Pavoletti non può essere servito a dovere. Nel finale Suso ci prova due volte: prima scodella un pallone in area su punizione, poi effettua un tiro dal limite che Cragno devia in angolo. L'ultimo squillo del Milan è di Castillejo in pieno recupero, ma la palla è alta. Il Cagliari stringe i denti e porta a casa un punto importante per il morale e per la classifica.

PROGRESSI – Dopo l'ottima prestazione in quel di Bergamo, il Cagliari conferma i progressi sul piano del gioco anche contro un avversario blasonato come il Milan. Male Padoin, in particolare sul disimpegno che ha portato al pareggio milanista. Bene Klavan al centro della difesa e Bradaric in mediana. Ottima prova di Barella, non delude il rientrante João Pedro, autentico punto di riferimento per la manovra offensiva. Delude Farias, Pavoletti è spesso isolato in davanti e non riceve i palloni giusti.
Nel Milan bene Suso, Higuain si sblocca dopo due gare a secco. Ma il bottino in classifica è ancora troppo magro per Gattuso e i suoi uomini.

 

Il tabellino

CAGLIARI (4-3-1-2): Cragno; Srna, Klavan, Romagna, Padoin; Castro (84° Dessena), Bradaric, Barella ©; João Pedro (64° Sau); Farias (52° Ionita), Pavoletti.
A disposizione: Aresti, Daga, Andreolli, Faragò, Lykogiannis, Pajac, Pisacane, Cigarini, Cerri.
Allenatore: Maran

MILAN (4-3-3): Donnarumma; Calabria, Musacchio, Romagnoli ©, Rodriguez (85° Laxalt); Kessie, Biglia, Bonaventura (66° Bakayoko); Suso, Higuain, Calhanoglu (73° Castillejo).
A disposizione: Reina, A. Donnarumma, Josè Mauri, Borini, Bertolacci, Zapata, Abate, Caldara, Tsadjout
Allenatore: Gattuso

ARBITRO: Abisso di Palermo
Assistenti: Costanzo, Bindoni
Quarto uomo: Ghersini

RETI: 4° João Pedro, 55° Higuain
Ammoniti: Srna, Kessié
Recupero: 0', 4'
Spettatori: 16.201 Incasso di giornata: €257.013

comments powered by Disqus
top